Acquista prodotti

Le batterie NiMH e le basse temperature

Cosa accade quando si utilizzino le batterie a basse temperature? E la conservazione? È una buona idea conservare le batterie nel frigo? Continuare a leggere per saperne di più sulle batterie NiMH e le basse temperature!

Utilizzarle al caldo, conservarle al freddo

L’inserimento di una batteria in un dispositivo crea una connessione. Il circuito esterno, ad esempio un filo, permette agli elettroni di passare dal terminale di una batteria all’altro, fornendo al tempo stesso energia per un dispositivo intermedio.

Questa reazione chimica può essere influenzata dalla temperatura. Il freddo la rallenta, ciò significa che la batteria produce meno corrente. Poiché una batteria ha due finalità (conservare energia e rilasciarla quando è richiesto), il freddo può influenzare l’utilizzo in due modi:

  • o si sta conservando la batteria in ambienti più freddi, causandone così l’autoscarica più lentamente e contribuendo così a mantenere meglio la carica quando si trova su uno scaffale;
  • o si sta usando la batteria in condizioni di freddo (estremo), ciò significa che la quantità di corrente non può più soddisfare le esigenze del dispositivo, causandone il malfunzionamento.

Quindi, in breve: utilizzarle al caldo, conservarle al freddo. Tuttavia, non è necessario conservare le batterie in frigo. Anche se, in effetti, la bassa temperatura può rallentare l’autoscarica, l’umidità e la condensazione potrebbero danneggiare la durata della batteria.

Batterie NiMH e basse temperature non sono necessariamente una combinazione negativa, tuttavia è sempre necessario un pò di buon senso. La migliore soluzione che funzionerà nella maggior parte dei casi è conservarle semplicemente in una credenza.

Utilizzare le batterie a basse temperature

Ma cosa succede se si sta utilizzando le batterie e non è possibile modificare la temperatura? Immaginiamo di essere fuori a fare un servizio fotografico mentre fa freddo. Potremmo tenere una set di batterie di ricambio in tasca per stare al caldo.

La migliore chimica e composizione della batteria permette ad essa di mantenere una lunga autonomia con una tensione costante per tutto il processo. A differenza delle batterie alcaline, il voltaggio delle eneloop scenderà sensibilmente soltanto quando si avvicina alla scarica completa, cosa che è assolutamente meglio evitare con le batterie ricaricabili.

le batterie eneloop funzioneranno perfettamente anche a temperature più fredde, perfino a - 20 °C. L’autonomia sarà più breve in base al livello di freddo, ma sarà possibile usufruire di una scarica costante fino alla fine. Ricorda: le batterie NiMH eneloop e le basse temperature sono compagni perfetti!